Privacy Policy e note legali

domenica 19 ottobre 2008

Quasi ci siamo...

Sono passati una decina di giorni e la femmina di Xenotilapia nigrolabiata continua ad incubare. Sta per arrivare il momento di decidere cosa fare. Strippare o non strippare? Penso di avere strippato i piccoli solo una volta, circa vent'anni fa, e si trattava di Labeotropheus fuelleborni, un pesce di tutt'altro carattere rispetto alle Xeno. Forse è meglio che peschi la femmina e la metta in un una vaschetta da sola in modo che sputi i piccoli. Le eviterei un bel po' di stress, una delle prime cause di morte con questi ciclidi. Dai report che ho letto su Cichlid News la femmina si disinteressa dei piccoli dopo averli sputati. Mi pare invece che il grande Enzo Marino riporti di qualche cura parentale anche dopo (spero di ricordami correttamente, se mi leggi Enzo dammi un segno!).
Nel frattempo nella stessa vasca si stanno formano le coppie di Xenotilapia sp. "Sunflower Msamba", ce ne sono almeno due, forse anche tre, non sono ancora sicuro. Non voglio però ancora separarle data l'esperienza precedente con le Sunflower (provenivano da Kantalamba) dove la coppia rimastami si è rivelata molto litigiosa. Ho avuto ugualmente due covate, ma in un anno di allevamento è un po' poco. Ora riparto da un gruppo di 8, se non si affiatano bene non so che dire.
La coppia di Xenotilapia sp. "Sunflower Kantalamba" al termine dell'accoppiamento.

8 commenti:

tupaia ha detto...

ok, forse ora funziona.Volevo solo sapere cosa significa strippare.
Ciao
Tupaia

sphaerichthys ha detto...

Strippare vuol dire togliere "manualmente" i piccoli dalla bocca del genitore per accrescerli separatamente.

Livio io non stripperei e isolerei la femmina direttamente.
D'altronde se sei riuscito a quadrare il cerchio con questa prima riproduzione e molto probabile che avrai altre riproduzioni a disposizione.

Fabio

Livio L. ha detto...

Ho deciso di non strippare e di catturare la femmina e spostare.
Ora il dubbio è dove metterla. Ho una vasca di 40 litri libera ed una di 110 con una coppia di Altolamprologus sp. shell da spostare.

stranalandia ha detto...

non voglio sapere come convincete la madre/padre a sputare i piccoli. Mi vengono in mente un paio di sistemi ma suppongo si configuri il maltrattamento agli animali ;-P
Tupaia

Livio L. ha detto...

Generalmente con i pesci che ho io basta catturarli con il retino che sputano i piccoli. A questo punto forse anche solo catturarli è maltrattamento?

Livio L. ha detto...

Comunque non avevo mai pensato al fatto che lo strippaggio potesse essere visto come maltrattamento. Forse hai ragione. Fortunatamente è una pratica che non mi è mai piaciuta.

enzo marino ha detto...

ciao livio,

il tuo blog è una favola, oggi è la prima volta che lo scopro, ma sono rimasto a bocca aperta.

per quanto riguarda le mie esperienze sulle cure parentali, ho notato che le sunflower non hanno particolari cure dopo la nascita, comunque possono stare con i genitori fino al raggiungimento dei 4/5 cm. poi bisogna isolare i piccoli, perchè i genitori tentano una nuova riproduzione e diventano aggressive.
per quanto riguarda, invece le red princess, su tre riproduzioni ottenute, ho isolato la madre in una vaschetta sui 50/100l. e ho notato che i piccoli seguono molto la madre e a sua volta lei diventa aggressiva su ipotetici predatori.

anche io, se posso non tenderei a stripparli.

enzo marino

Livio L. ha detto...

Grazie Enzo per il report!
Ormai sai come è andata. Le piccole Xeno stanno crescendo bene e tra un po' aggiornerò con nuove fotografie.