Privacy Policy e note legali

giovedì 12 marzo 2009

Lamprede, scazzoni e fontanili

Anche oggi ho girovagato per fontanili ed immancabilmente sono tornato alla mia risorgiva preferita. I Mosi, questo è il nome, è caratterizzata da numerose teste ed aste nelle quali scorre copiosa l'acqua. È uno dei pochi fontanili che conosca che ospita lo scazzone (Cottus gobio), un pesce appartenente alla famiglia dei cottidi molto esigente per qualità delle acque, e la lampreda padana (Lampetra zanandreai). In realtà vidi la lampreda padana solo una volta, nei primi anni '90, e da allora torno ogni anno al fontanile sperando di avere la fortuna di assistere alla riproduzione di questo strano pesce che passa anni nello stadio giovanile nel fondo sabbioso di un fiume o di un fontanile e pochi mesi allo stadio adulto. Nel fontanile sono presenti anche sanguinerole (Phoxinus phoxinus), vaironi (Leuciscus souffia muticellus) e nella zona d'asta appaiono anche i cavedani (Leuciscus cephalus). Tra gli invertebrati del fontanile spiccano due Molluschi gasteropodi (Sadleriana fluminensis e Graziana alpestris) che indicano lo stato di buona qualità delle acque della risorgiva.

Una delle teste del fontanile. Fotografia di Livio L.

Un'altra testa del fontanile. Fotografia di Livio L.

Le varie aste si fondono a formare un canale di grandi dimensioni. Fotografia di Livio L.

5 commenti:

rogolino ha detto...

ogni volta che posti foto dei fontanili e della relativa fauna mi incanto. mi manca la Lomabrdia e qui in Lazio, con pochissime eccezioni sperdute, non conosco acque interne che non siano eutrofizzate o inquinate. spero che continuerai a scriverne e a postare foto, per me sarà un po' come visitarne uno.

Livio L. ha detto...

Grazie! Non ti preoccupare, continuerò a postare per tutta la primavera e l'estate riguardo ai fontanili. D?altronde il sottotitolo del blog non è "Divagazioni di un ciclidofilo"?
Nella bergamasca esistono 200 fontanili, di cui 100 sono attivi. Personalmente ne ho visitati circa un'ottantina. Magari il blog mi spronerà a visitare anche quelli che non conosco ancora. In settimana torno ad un'altro dei miei fontanili preferiti. Vi sono anche gli spinarelli.

rogolino ha detto...

grazie a te! se riesci a fotografare o filmare gli spinarelli sarebbe fantastico. nei fontanili ci sono anche urodeli?

p.s. mi chiedevo se ti potrei disturbare in privato per una consulenza su un ciclide nano americano.

Livio L. ha detto...

Scrivimi pure utilizzando la mail che ho messo nella pagina principale.
Riguardo ai tritoni, gli unici urodeli che si possono trovare nei fontanili, la mia tesi era proprio su questo argomento. Ne parlerò tra un po'.

rogolino ha detto...

allora aspetterò :-)
20 e più anni fa nel parco della mia cittadina in Brianza pescavo dal laghetto i tritoni a mani nude, poi centrarchidi, carpe varie, ratti...e ciao. Anche gli anuri sono diminuiti tanto (ovunque, lo so, sto scoprendo l'acqua calda). Nel parco della valle del Lambro c'era la rana di Lataste nel sottobosco...non che io la sapessi distinguere da una temporaria o dalmatina :-)

ti ho mandato un email sul ciclide nano, grazie mille.