Privacy Policy e note legali

sabato 18 dicembre 2010

Tilapia dal lago Ejagham: ancora ciclidi dai crateri

Tilapia fusiforme in abito riproduttivo.
Dunz A. R, Schliewen U. K., 2010


Dopo le Danakilia è la volta di altre Tilapia di cratere. Non si tratta di un cratere qualsiasi, ma di uno dei crateri della sacra triade africana dei laghi del Camerun Barombi Mbo, Bermin e Ejagham eletta tale per meriti sul campo. Infatti, a meno che non siate ciclidofili incalliti, questi nomi non vi diranno molto, eppure la biologia evoluzionista deve loro tanto.
Tutto ha a che fare con la speciazione simpatrica, quella forma di formazione delle specie che avviene senza che siano coinvolte delle barriere geografiche. Fonte di continui scontri che coinvolsero anche Ernst Mayr, la speciazione simpatrica rappresenta una sfida concettuale non indifferente. Cosa potrebbe costringere una frazione di una popolazione a non accoppiarsi con il resto dei conspecifici una volta che abitano lo stesso luogo? Se volete un esempio antropomorfo: cosa potrebbe impedire a dei residenti di una città di fare figli con il resto dei concittadini? Neppure il censo è mai riuscito ad impedirlo, ma forse si potrebbe chiedere a Herbert George Wells che ipotizzò l'esistenza di Eloi e Morlocchi ne La macchina del tempo! Generalmente la spiegazione della speciazione simpatrica ricorre al fenomeno del polimorfismo, cioè alla presenza in una stessa popolazione di forme diverse, applicato alla dimensione alimentare: una parte della popolazione è adattata ad alimentarsi di un particolare tipo di cibo, mentre l'altra parte è predisposta ad alimentarsi di altri articoli alimentari. Tanto per rimanere all'interno del grande gruppo dei ciclidi, alcune specie sono formate da popolazioni con individui dotati di mascelle faringee accessoriate per sfruttare preferibilmente molluschi e da individui predisposti a cibarsi di pesci. Le coppie miste sarebbero perciò svantaggiate perché i figli mostrerebbero condizioni intermedie e quindi un minor successo riproduttivo.

Coppia di Tilapia ejagham in riproduzione.
Dunz A. R, Schliewen U. K., 2010

La prima dimostrazione dell'avvenuta speciazione simpatrica nei vertebrati si deve ai ciclidi del lago Barombi Mbo del Camerun. In seguito vennero studiati anche i ciclidi di altri laghi confermando che la speciazione simpatrica è più di una semplice congettura. I laghi di cratere del Camerun, infatti, sono piccoli e monotoni. Il lago Ejagham è poco meno di mezzo chilometro quadrato di superficie ed ha una profondità di circa 18 metri. Diversamente dagli altri 35 laghi di cratere del Camerun, il lago Ejagham ha un'origine diversa che non è stata ancora completamente chiarita, ma le caratteristiche ambientali lo rendono simile a tutti gli altri (isolamento dai fiumi circostanti ). Quali potrebbero essere le barriere geografiche presenti in un simile luogo?
Con un nuovo studio le specie di Tilapia del lago Ejagham hanno ora un nome: Tilapia ejagham, Tilapia fusiforme, Tilapia nigrans. Tutte queste Tilapia appartengono al sottogenere Coptodon che è caratterizzato dai seguenti caratteri: denti faringei mediani stretti, denti esterni bicuspidi non a spatola, livrea con o senza barre verticali che in ogni caso non sono mai oblique, 16 scaglie sul peduncolo caudale (in casi eccezionali 15 o 17, ma nel caso delle specie del lago Ejagham questa è una caratteristica molto variabile). Tanto per confermare il polimorfismo, in Tilapia fusiforme sono presenti due forme diverse che sono state interpretate in precedenza come specie in via di separazione e distinguibili soprattutto per la grandezza degli occhi e per la preferenza ambientale. Una forma ha occhi piccoli rispetto al corpo e abita l'ambiente superficiale; l'altra invece ha occhi grandi e vive in profondità. Nel lago sono presenti anche due specie di Sarotherodon ed un'altra specie di Tilapia che va sotto il nome di T. deckerti.

Tilapia nigrans in abito riproduttivo.
Dunz A. R, Schliewen U. K., 2010

2 commenti:

Anonimo ha detto...

interessante la speciazione simpatrica, ricordo in Mozambico con Stefano, quando pescavamo i Noto, in una pozza torbida potevano esserci tre specie differenti molto simili tra loro e la visibilità era, in alcuni casi bassissima. mah!!
Miles

Livio L. ha detto...

Sul fatto che si trovino tre Notho in una pozza non significa che si siano evoluti per speciazione simpatrica. Non trovi?