Privacy Policy e note legali

sabato 18 luglio 2009

La Dr.ssa Tatiana risponde

Il precedente post (Io, il più bello) è stato ispirato da questo libro.


Si tratta di una raccolta di lettere che la Dr.ssa Tatiana riceve da un'ampia serie di animali, decisamente antropomorfi, alle prese con il sesso. I problemi sono i più disparati. L'insetto stecco femmina si lamenta delle perfomance amorose del compagno: 10 settimane di amplesso le paiono sufficienti, ma il suo ragazzo non è d'accordo. Tra i mammiferi invece è il leone che si lamenta delle ninfomania della compagna (un'ora e mezzo di accoppiamento per 4-5 volte ogni giorno ed ogni notte metterebbero in crisi qualunque amante). Una vespa del fico è terrorizzata dall'iperaggressività dei maschi che invece di corteggiare le femmine si mordono a morte. Uno spinarello maschio è sgomento per il furto delle uova avvenuto nel nido. L'iguana marina è stupefatta dal comportamento onanistico dei giovani. Un acaro invece si chiede se le sue disavventure sono un castigo per il proprio comportamento depravato: accoppiarsi ogni giorno nel corpo della madre con le sorelle fino al momento della morte della genitrice. L'ape regina è preoccupata del fatto che tutti i suoi amanti le lasciano infissi i genitali e muoiono. Sollevati di essere umani? In effetti il sesso delle altre specie può spaventare se giudicato con occhi umani. La Dr.ssa Tatiana risponde ad ogni lettera mettendo in luce il perché evolutivo di un certo comportamento. Il ratto delle uova dello spinarello è dovuto ad altri maschi che vogliono rendersi più appetibili agli occhi delle femmine: un maschio con tante uova è un maschio che ha convinto e si è accoppiato con tante femmine e che quindi "vale". Inutile dire che per aumentare il proprio valore tutto è permesso, cosa volete che sia il furto. L'insetto stecco maschio non è un amante focoso e perdutamente innamorato, bensì un futuro padre preoccupato della paternità dei figli al punto di impedire alla femmina di allontanarsi da lui. Quale modo migliore di un accoppiamento perpetuo? Le iguane marine invece si masturbano per poter arrivare preparati nel momento clou di un accoppiamento (di un'altra coppia ovviamente) per intromettersi e cercare un contatto con la femmina. Le iguane marine femmine, infatti, preferiscono i maschi vecchi, perché sono grandi, e non i giovincelli.
Mi fermo qui. Le lettere citate nel libro sono tante, troppe. Dr. Tatiana's sex advice to all creation è accattivante ed al tempo stesso scientificamente rigoroso (le 38 pagine di bibliografia lo testimoniano) e rappresenta un riuscito esempio di divulgazione scientifica moderna che unisce commedia e scienze naturali. Probabilmente questo libro può insegnare più di tanti testi di biologia grazie alla fresca originalità che dimostra ed alla potente scrittura che lo sorregge.
Per chi volesse maggiori informazioni cliccate qui dove troverete anche la notizia che esiste un adattamento televisivo. Ora cerco su youtube qualche episodio per vedere se è all'altezza del libro (lo so, viste le ultime riduzioni cinematografiche di libri famosi rischio una solenne delusione, ma ci provo sempre).

4 commenti:

Marco F ha detto...

Stanno traducendolo, mi dicono.

Marco

Livio L. ha detto...

È da un po' che si parla di una traduzione italiana. Speriamo a breve.

Marco F ha detto...

Settembre/ottobre. Da informazioni inside

Marco

Livio L. ha detto...

Spero che anche in Italia ottenga lo stesso successo che ha avuto nel resto del mondo.